Addio nr. 3, un terribile lutto

No, non temete, amici cari, questo non è un addio al Blog, come nei precedenti casi (Addio nr. 1 e Addio nr. 2), è un addio alla mia nonnina, che puta caso avevo citato in un recente articolo.

La mia nonna materna, Siringa Schicklgruber vedova Trojoni è morta ieri sera, tra atroci dolori intestinali, dopo avere provato la ricetta proposta dalla signora Caroli nel suo ultimo articolo.

Già, la Caroli si era dimenticata di dire che quella ricetta è mortale nel 42% dei casi. Ma chissenefrega, qualunque cosa pur di fare visualizzazioni, poi se muore qualcuno diamo la colpa a Renzi!

Mi ricompongo, non voglio scadere nelle polemiche e inquinare il purissimo dolore per la perdita dell’amata nonna con il pur legittimo rancore. Non è ora il momento della vendetta. Sto scrivendo col lutto al braccio, intingo il pene nel dolore e porgo un ultimo saluto a nonna Siringa.

Accanto a me, uniti nel dolore:

  • la figlia Salamandra Trojoni, cioè mia madre
  • il bis nipote Idebombo Maria Griffo Focas Flavio Angelo Ducas Comneno Porfiro-genito Gagliardi de Curtis di Bisanzio Pomponio Gargiulo, cioè mio figlio, che concepii con una tenera ragazza nigeriana la notte del 10 Giugno 1988, per festeggiare l’unico gol in nazionale di Roberto Mancini (Campionati Europei, Italia – Germania, gol al 52° minuto).

Insieme abbiamo fatto un dignitoso rinfresco per accompagnare il viaggio di nonna Siringa nel mondo dei più: chips marca Coop e una mela bacata. Gli Dei saranno magnanimi e capiranno il momento di indigenza causato dalla ormai pluriennale dittatura grillina.

Ora arda la pira, tacciano i pensieri, si innalzino i canti ai multiformi Dei. Ciao nonna!

 

RINGRAZIAMENTI & DEDICHE

Dedico questo articolo a Ira Lesboschi, è una ragazza sarda ma molto buona.

 

2 comments

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *