Addio nr. 7, quello definitivo. Ho licenziato Galeazzo!

Sono Irene Iaccio, fondatrice, proprietaria unica e CEO del presente Blog, dal quale, a titolo gratuito, Vi somministriamo cultura e sollazzo.

Devo annunciarVi che quest’oggi ho licenziato Galeazzo, con lettera raccomandata da me sottoscritta con inchiostro verde, speditagli nella prima mattinata.

Le ragioni del licenziamento sono da ricondursi alle precarie condizioni di salute del suddetto Galeazzo nazionale.
Egli, infatti – così abbiamo scoperto a seguito di un’inchiesta interna personalmente condotta dal mio compagno di vita Andrea Righi, in arte Cagoyeti – è stato espiantato di fegato, polmoni, cuore, reni e pancreas. Operazione realizzata da Pietro Pacciani in quel di Firenze nella primavera del 1988, allorquando lo sorprese in camporella con una delle prime prostitute nigeriane importate in Italia (per la cronaca, da quel fugace incontro nacque Idebombo. Nella foto a fine articolo, la ragazza nigeriana che accompagnava Galeazzo, superato lo spavento dell’escissione ne cerca il fegato per prepararsi una zuppa di feticci al focherello degli pneumatici, ma Pietro aveva già ripulito la scena del delitto…).

Il simpaticone non ci aveva informato di niente, anzi millantava ottima salute.
“Ho un cuore alla Gino Bartali” diceva lo stronzo quando il venerdì passava a trovarci in redazione, con l’usuale scatola di cioccolatini Caffarel!
E poi aggiungeva, facendo l’occhiolino alle impiegate: “Cuore elastico e bigolo di ferro. Un bigolo per Caterina, ma ce n’è per tutte! Prendete e mangiatene tutte uach uach uach”.

Ma guardiamo avanti, al futuro, all’Europa! E apriamo le selezioni per un nuovo posto di scrittore di articoli per il Blog.

Requisiti richiesti:
– certificato di sana e robusta costituzione
– bigolo che raggiunga, in stato di erezione, i 16 cm. o più
– tessera di iscrizione al PD con pagamenti in regola
– pelo lucido
– spiccata attitudine al lavoro di coppia.

Affrancate la lettera con un bel francobollo effigiante il Presidente della Repubblica e speditela a:
Tutto un magna magna Coop
Via delle Risorse boldriniane, 129
20162 Milano

La selezione verrà svolta personalmente da me, Irene Iaccio, e da alcune amiche del quartiere Vomero, con cui sono cresciuta e che riterrei ingeneroso escludere da tale importante compito.
PresentateVi, nel giorno e nell’ora che Vi comunicheremo, puliti, sbarbati e depilati.

E ricordate, se per caso dovessimo accorgerci che avete mentito, che la lunghezza del vostro bigolo non supera i 16 cm., ve lo strapperemo via a morsi.

Achtung!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *