Epitaffio per un amico. Ciao Galeazzo (in realtà, è propaganda per il PD)

Epitaffio di Caterina, l’avvocatessa calda, preparata e politicamente impegnata.
Galeazzo è morto.
Il mondo è grande e non è tutto rose e fiori, Galeazzo non era perfetto, ma io gli ero affezionata.
Spesso picchiava le vecchie e le faceva violentare dal Randi, ma io gli ero affezionata.
Lanciava i massi dai cavalcavia delle autostrade sopra i veicoli in transito, ma io gli ero affezionata.
Eppure ho dovuto eliminarlo.
Avevo visto in lui un guerriero che potesse farmi da maestro nell’addestramento contro le bruttezze del mondo, ma lui vedeva in me soltanto una tenera amante.
Così, per superare questo stato di empasse, ieri notte l’ho ripetutamente pugnalato nel sonno, 129 pugnalate nel sonno.
Lui non ha detto niente, non ha emesso nemmeno un sospiro, niente!
E io zac, zac, zac, lo pugnalavo fino a sfiancarmi. E lui niente, nè un sospiro nè una goccia di sangue. Allora io urlavo, “arzate, a cornuto arzateeeeeeeeeee”.

E poi … Mi risvegliavo dall’incubo. Lui, il grande Galeazzo dormiva sereno e solido al mio fianco, con un lieve, impercettibile sorriso. E si risvegliava, e flautato mi diceva “Cate vuoi che ti porti il caffè coi pasticcini?” E io tosto, tosta “no, voglio fare all’amore, all’ammmoreeeeeeeeeeeee”

Ma mi risvegliavo anche da questo sogno, madida di sudore, nel mio lettino, le lenzuola sudicie e stazzonate, dentro il monolocale a Roma Est dove vivo da qualche mese, affittato in nero da un magnaccia di Casa Pound che l’ha occupato “per ridare dignità al popolo italico!”
La povertà mi attanaglia, la mia bellezza sta sfiorendo, non ho più clienti, non ho più uno studio, non posso più permettermelo. Equitalia vuole da me più di 12.000 di contributi alla Cassa non versati.
I’m broken, come direbbero negli USA.
E lo sarete anche Voi, cari amici del Blog di Irene Iaccio.
Lo saremo tutti, se non cominceremo a cambiare le cose.

Io voto PD, e tu?

Roma, Italia

2 comments

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *