La crisi di Galeazzo

Premessa di Irene Iaccio, CEO del Blog e dell’omonima Pagina Facebook, Il Gatto ha nuove code‘s founder, hacker, carder, front end Magento developer.
Come capita a tutti gli artisti, anche Galeazzo ha avuto la “crisi del foglio bianco“. L’è sciupà, come diciamo qui a Milano. E allora continuiamo noi, al posto suo. Sì, ma noi chi? Beh, tutti i contributori del Blog. Nelle prossime righe, infatti, ciascuno darà il proprio, singolarmente piccolo ma complessivamente rilevante, contributo al raggiungimento delle 400 parole di cui consterà il presente articolo. Op op op!

Contributo di Irene Iaccio medesima.
Oggi è il 9 Gennaio 2020 e tutto va bene, salvo per la predetta crisi artistica del Nostro. Preghiamo il dio Mirchione e tutto andrà ancora meglio!

Contributo di Margherita Cagol.
È giovedì e già pregusto la bella seratina che domani trascorrerò in compagnia di alcune risorse trans-boldriniane. Come è bella l’integrazione! Abbattiamo i confini e poi coi secchi di vernice coloriamo tutti i muri, case, vicoli e palazzi, perché le risorse amano i colori e tutto ciò che è bello!

Contributo di Cristina Caroli, avvocatessa col naso a frullatore.
A Milano negli anni 80 si mangiava spesso la cotoletta, anche se era invalsa la moda di chiamarla “orecchia di elefante”, a significare l’ampia battitura che subiva la carne. Di fatto, era più impanatura che carne, ma che tempi, quei tempi!

Contributo di Andrea Besi.
Speriamo che aumentino le tasse a carico degli imprenditori, così ci saranno più soldini per gli artisti come me, che, per coltivare la propria arte, non possono lavorare (che schifo lavorare!) e necessitano di sostegno morale. Abbasso l’evasione fiscale, viva lo Stato forte e che redistribuisce la ricchezza agli artisti! A proposito, sono molto depresso.

Contributo di Oliviero Germanici.
zzzzzzzzz ronf ronf

Contributo di Antonella Nobile.
Uè quagliò, se Galeazzo sta in crisi, io cosa devo dire? Ho la vita sgarrupata e solo i cani (e ogni tanto qualche amico magrebino) riescono a consolarmi, ma da domani voglio guardare avanti, candidarmi a sindaco di Grugliasco e poi aprire una ditta di massaggi lingam.

Ringraziamenti finali di Irene Iaccio.
Ringrazio, a titolo personale e a nome del Blog, tutti i contributori intervenuti. Ho appena sentito Galeazzo al telefono e mi dice che già domani, Venerdì 10 Gennaio 2020, riprenderà l’attività. È carico come una molla e dice che scriverà un articolo, dedicato a Edith Mingoni, sul Bonnacon, il mitologico toro dai peti mefitici. Il tema mi pare interessante e non vedo l’ora di rivedere Galeazzo all’opera.

Anche Renzo Arbore, lettore ed estimatore del Blog, auspica il superamento della crisi di Galeazzo.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *