La solitudine di Galeazzo, il Re del mondo

Sono qui, nella foresta, sempre più solo.
Naturalmente Irene non ha ceduto alle mie minacce, le ha bellamente ignorate, e i miei articoli sul presente Blog continuano a non venire linkati sulla Pagina del Tuttounmagnamagna, che a questo punto nemmeno io linko, perché va bene essere buoni, ma io non sono mona, non sono monaaaaaaaaaa.

Ok, torniamo a bomba, senza alcuna allusione all’attività terroristica di Irene, naturalmente…
Voglio dirVi che è tutto finito… per Voi.
Un po’ mi dispiace, le cose potevano andare diversamente.
Il popolo avrebbe potuto vincere, gli sfruttatori capitalisti potevano estinguersi. Invece sta succedendo il contrario. Saremo noi uomini a estinguerci, rimarranno i simulacri, gli arrotini, le persone prone ai forti e spietate coi deboli.

Ma io no, io non morirò con Voi. Io sono il Re del mondo, e fonderò una nuova razza umana.
Domani mattina, pur essendo domenica, mi recherò dal mio notaio di fiducia, il mitico rag. Antonio Pinza, per fondare il Centro Iniziatico Galeazzonico.

Con il C.I.G. recupereremo dottrine e miti ancestrali, ormai perduti e che nei più recenti tempi soltanto alcuni profeti hanno avvicinato, sia pure confusamente. Profeti del calibro di Adolf Hitler, per darVi un’idea, cari lettori dal cuore di bragia.

E giungeremo alla Agarttha, la terra inviolabile, che accoglierà solo i puri di spirito, solo coloro che abbiano provato il dolore del distacco dalle convenzioni sociali, fino al punto di trasformare il dolore in forza, fino al punto di partorire gli occhi della tigre.
Perché in questa Età nera, le conoscenze sono occultate, e cotale occultamento, con le indicibili difficoltà che comporta a chi voglia attingerle, funge da setaccio.

Quindi, lo avrete già capito, cari amici, questa è una call to action per i migliori tra Voi. Chi vuole salpare con Galeazzo non ha che da farmelo sapere, con i consueti modi, cioè un bonifico coi controzebedei foderati di velluto e ricoperti di borchie metalliche.

Oggi Galeazzo muore, rinasce e parte.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *