Non posso rispondere su Messenger, cazzo di bueeeeeeeeeeeee

È inutile che mi insultiate su Messenger per il fatto che non rispondo alle vostre accorate e insistite domande sul mio stato di salute e di latitanza. E sovente mi minacciate pure!
Ma non posso! Mi piange il cuore, ma non posso! Se rispondessi, verrei localizzato dagli amici della Guardia di Finanza che nei miei confronti hanno emesso un ordine di cattura, e a cui rivolgo il più ossequioso dei saluti: PRRRRRR … io sono un uomo libero e voi, marameoooooo

E se dovessi essere individuato e catturato, non sarebbe soltanto la mia posizione a venire compromessa, anzi questa è la cosa che mi importa di meno. Non mi farei prendere vivo, e questa certezza mi rasserena e mi riscalda il cuore.
No, io sono preoccupato per gli amici e soprattutto le amiche delle Prealpi venete che mi stanno dando protezione e tanto calore umano.
E ovviamente per quegli strofinacci che mi scrivono su Messenger e si offendono se non rispondo.
E infine per tutti i lettori del presente Blog, che, ne sono certo, a quest’ora saranno stati tutti geolocalizzati e schedati, come si conviene ai concorrenti morali dei gravi reati a me ascritti (bancarotta fraudolenta, evasione totale, spaccio di droghe sintetiche, sfruttamento della prostituzione).

E allora vediamole, passiamole in rassegna queste offese che mi arrivano copiose e immeritate via Messenger:

Antonella Nobile: respunn o t’accir, strunz

Marta Gemma: strunz, hei firmeto le tue condenne e muerte

Giorgio Donnini: Uei pistola, dove sei finito? Se non rispondi me la lego al bigolo.

Ira Lesboschi: cachineri mai coddau, cannonau e carasau

Rita Ricci: sorbole, mo vieni che ti amasso se non rispondi

Ma non voglio oltre modo rattristarvi! La mia latitanza procede a gonfie vele. Ora, mentre scrivo su un IPad di fortuna collegato con la rete satellitare russa, in mezzo alla foresta, sto mangiando una zuppa con dentro grossi, succulenti pezzi di fagiano.
Ahhhhhh fagiano mio, come sei buono!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *