Pesce compostato (un altro articolo di giornalismo investigativo di Galeazzo) – Parte 2, che è un Interludio per sdrammatizzare

Nel precedente articolo quelle due sarchiapone di Irene Iaccio e di Caterina la calda e preparata avvocatessa hanno creato una suspense incredibile, finanche eccessiva per la mia inchiesta sul pesce compostato … e adesso occorre un po’ moderare cotale attenzione e riportare la temperatura rettale di Voi lettori entro i limiti di legge.

E cosa c’è di meglio per dare una stemperata se non proporVi alcune sapide freddure? Eccovele, cazzo di bue!

Freddura numero 1) – Autore Andrea Besi
Un tizio abborda una grillina e le dice “i tuoi genitori devono essere ladri, i tuoi occhi sono stelle rubate al cielo”. La grillina si cava gli occhi e li restituisce.

Freddura numero 2) – Autore Andrea Besi
Pierino, ormai adolescente, vede un simbolo verde con delle foglie sull’insegna di un negozio, scambiandolo per marijuana entra e chiede uno spinello. Viene picchiato perché era la sede della Lega nord (EDIT si dice Lega, Lega, cazzo di bue, Lega, senza il “Nord”, che è ormai è un lontano ricordo bossiano!).

Freddura numero 3) – Autore Cotenna Toto
Una militante PD di Alfonsine entra in un bar e trova Gianni Morandi, il quale la aggredisce verbalmente. Avete distrutto il PD, urla il noto cantante dalle grandi mani. Dopodiché per rilassarsi mangia un bel cucchiaio di “cioccolata”. La militante PD chiede se si tratti di cioccolato biologico. Gianni Morandi sorride sotto i baffi (di cioccolata).

Freddura numero 4) – Autore Giorgio Donnini
Uno del PD entra in un bar, beve un caffè, paga e esce.

Freddura numero 5) – Autore Rita Ricci
Antonella Nobile si reca al supermercato per acquistare delle prugne, sicura che le faciliteranno il transito intestinale. Al banco della frutta vede però delle turgidissime banane e chiede al commesso “Dice che potrebbero sortire lo stesso effetto delle prugne?” “A signò, nun ce lo sò” risponde l’onesto lavoratore “ma caso mai ne compri due, così armeno una se la magna”.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *