Solidarietà a Lucano! (articolo FUORI SERIE)

Mi chiama Irene, trafelata come una tigre della Tasmania, anche detta tilacino (Thylacinus cynocephalus Harris) ovvero lupo marsupiale ovvero ancora lupo della Tasmania (marsupiale carnivoro vissuto in Australia, Tasmania e Nuova Guinea, che si ritiene estinto durante la prima metà del XX secolo, ma che, come vedremo in un articolo di prossima pubblicazione, in realtà gode di ottima salute), e mi fa: “Uei, questo mese non è ancora arrivato l’assegno del Governo, adesso gli faccio un post contro su FB e così capiscono l’antifona. Esprimerò massima solidarietà a Mimmo Lucano per l’ingiusto arresto subito per concorso nel reato di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e affidamento diretto del servizio di raccolta dei rifiuti a cooperativa rossa, poi parlerò un po’ di doppiopesismo giusto per mandare un messaggio ai felpastellati che questa mano pelosa può far uscire dalla tastiera parole contro o parole a favore”

“Certo Irene, e io cosa devo fare?”

“Tu, per mantenere il giusto cerchiobottismo parla male della compagna di Lucano, un’eritrea di dubbi costumi, tale Tesfahun Lemlem”

Eritrea??? Ma è la terra delle donne più belle al mondo. Sluerpanti donne nere dal fascino abbacinante, trampolieri dalla pelle d’ebano, dal viso dolce e dai lineamenti eleganti e dalle patonze morbide ed prensili…”

“Sì va beh… guarda che anche noi del Sud Italia siamo slanciate ed eleganti. Pensa che io conosco una casalinga di San Giorgio a Cremano, poi emigrata a Grugliasco (TO), che raggiunge il metro e sessantre. Comunque bando alle ciance e non ciurliamo nel manico, lo fai o no questo articolo contro l’eritrea?”

“No Irene, non ce la faccio, io amo troppo la verità e le donne nere. Questa volta devo passare la mano. Ma tu non preoccuparti, il Governo del Cambiamento provvederà quanto prima a saldarti le mensilità arretrate.”

“Prendo atto del tuo rifiuto. Non voglio forzarti. Farò scrivere all’avvocato Caroli qualche commento pepato giusto per essere sicura che quegli stronzi capiscano che con noi de Il Gatto ha nuove code è meglio non scherzare e i pagamenti devono arrivare continui e ininterrotti!!!”.

“A proposito”, continua Irene, “a quante parole siamo arrivati? Non vorrei che stessimo esaurendo lo spazio disponibile per un infruttuoso e stucchevole tentativo di dialogo tra me e te, Galeazzo Griffo Focas Flavio Angelo Ducas Comneno Porfirogenito Gagliardi De Curtis di Bisanzio Pomponio Gargiulo?”

“Irene, devo purtroppo darti una triste notizia: abbiamo già superato le 400 parole…”

“Galeà, sei na lenza, te possino!”

“Grazie, e ora porgiamo i più squisiti saluti ai nostri lettori: ciaone ciaone ciaone!

One comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *