Un cetriolo per Frizzi

Paolo Villaggio Fabrizio Frizzi era un nostro lettore.

Ci leggeva e mi stimava, ma ha commesso un errore, forse dovuto alla sua ottuagenaria sexuagenaria età: ha voluto provare la ricetta del Pasini, ed è morto.

E glielo dicevo, io: “Paolo, Fabrizio, mangiare sano è importante. Frutta e verdura sono imprescindibili, con il loro carico di meraviglie micronutrienti e alcalinizzanti. Orsù mangiale, tu hai sangue veneto romano come me – la tua nonna materna, la signora Delia Vianelli, era veneziana tuo padre Fulvio, noto distributore cinematografico, già direttore commerciale dell’Euro International Film, e poi della Cineriz era un romano de Roma da 7 generazioni – e noi veneti romani abbiamo le verdure e l’alcol nel sangue, in un mix di celtica latina potenza”.

Ma tant’è, il grande Paolo Fabrizio ha voluto fare di testa sua fino alla fine.

Ricordiamolo con un piatto sano e saporito, che tanto gli avrebbe giovato: cetrioli a fettine, conditi con un pizzico di sale iodato iposodico, un goccio di olio extravergine di oliva e una spruzzatina (absit iniuria …) di aceto balsamico.

Nelle tre foto che seguono potete vedere lo svolgimento della fazenda: il condimento dei cetrioli, la loro mescolatura e, in esito alla loro mangiata, il brodetto finale da gustarsi con cucchiaio.

Ed è proprio su questo squisito brodetto che voglio soffermarmi perché lo so che voi grillini del sud i cetrioli li mangiate secchi come le vagine delle vostre compagne, mentre invece il cetriolo deve formare un’acqua brodosa tale da renderlo al palato una croccante e al contempo umida goduria.

Come fare? Semplice! Dopo avere sbucciato il cetriolo e averlo fatto a fettine, lo si sala nella scodella in cui poi lo si consumerà, si copre cotale scodella con una pellicola per alimenti e la si mette per alcune ore in frigo.

La frescura del frigorifero, insieme all’operazione di previa salatura, convincerà il cetriolo a rilasciare il suddetto brodetto senza fare resistenze.

Pertanto, quando toglierete il piatto dal frigorifero non vi resterà che aggiungere olio e aceto e lasciare i cetrioli a temperatura ambiente per almeno un’ora.

Buon appetito, ragazzi! E mi raccomando, mangiate sano, fate sport e votate PD. Siamo l’Italia migliore di sempre.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *