Un gianduiotto per la Repubblica Italiana

L’Italia cade a pezzi, i grillini hanno preso il potere, il popolo li sostiene, il Male si è impossessato della nostra amata nazione.
In questi frangenti non c’è nulla, e sottolineo NULLA, che si possa fare, se non lavorare su se stessi, coltivare il proprio orticello interiore e trasmettere la sapienza con la forza dell’esempio silenzioso, che solo l’uomo già pronto può cogliere.

Banzaiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii

E dunque mangiamoci un gianduiotto, che come tutti ben sanno o dovrebbero sapere è un cioccolatino di pasta tenera e fondente, dalla forma caratteristica di barca rovesciata che ricorda il cappello di Gianduia, maschera piemontese cui è ispirato.
Scegliete la marca che più vi piace, ma non fate i morti di fame. È vero che c’è la crisi, causata dal grillismo, ma quando andate ad acquistarlo alla cioccolateria compratene almeno un etto.

La mia marca preferita è la Caffarel, società dolciaria torinese che per prima lo mise a produzione nello stabilimento torinese di Borgo San Donato e lo presentò al pubblico nel carnevale del 1865 facendolo distribuire ed elargire gratuitamente per le strade di Torino proprio dal Gianduja.

Quanta bontà e lungimiranza negli industriali che hanno edificato il Paese. Gli uomini migliori, eroi borghesi al servizio della società!

 

gianduiotto

 

Effettuato l’approvvigionamento, prendete il primo di detti gianduiotti, scartatelo con finta indifferenza e mettetelo in bocca. Ora aspettate qualche secondo, poi mordetelo gentilmente fino a cominciare ad assaporare quell’adorabile mixture di nocciola, cacao e zucchero. Gustatelo fino alla fine, come se steste bevendo un caffè.

Et voilà, un momento di piacere, alla faccia di chi ci vuole male e di chi vuole male alla nostra Repubblica.

E, se la cosa può darvi una qualche soddisfazione intellettuale, sappiate che i grillini non sentono i sapori, non hanno né papille gustative né il senso dell’olfatto. Certi piaceri non li possono provare.

Essi sono pervasi dal solo odio, Noi NO.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *